TRENTINGRANA

Latte, sale,
caglio
e rispetto

TRENTINGRANA È UN FORMAGGIO PRODOTTO NELLE VALLATE ALPINE E PREALPINE DEL TRENTINO SEGUENDO LA TRADIZIONE, I RITMI DELLE STAGIONI E NEL RISPETTO DELLA NATURA. FORSE È PER QUESTO CHE LE SUE CARATTERISTICHE SONO UNICHE, COME LA SPECIALE FRAGRANZA, L’AROMA, IL GUSTO EQUILIBRATO E UNA DOLCEZZA INCONFONDIBILE CHE LO RENDONO UN FORMAGGIO A TUTTO PASTO APPETIBILE PER TUTTI I PALATI.

Un formaggio
DOP

Trentingrana è un formaggio a Denominazione di Origine Protetta, che fa parte del Consorzio di Tutela Grana Padano; oltre al disciplinare della DOP, abbiamo scelto di seguire anche uno specifico regolamento che fissa standard di qualità volontari, per rendere il nostro formaggio una vera eccellenza. Grazie a questo e alle caratteristiche montane della zona di produzione gli è stata riconosciuta la specificità territoriale, che gli permette di portare con orgoglio la scritta Trentino su tutte le sue forme.

Perché
è speciale

Per i ribelli che lo producono
Per la qualità della materia prima
Per la produzione artigianale
Per i suoi ritmi lenti
Per la sua qualità riconosciuta

Per i ribelli che lo producono

Trentingrana nasce dalla passione e dall’impegno quotidiano di 16 caseifici cooperativi del Trentino.

Per la qualità della materia prima

Viene fatto solo con latte di montagna di allevamenti medio-piccoli, a gestione famigliare, dove le mucche vengono nutrite esclusivamente con erba fresca, fieno e mangimi NO OGM, senza utilizzare insilati.

Per la produzione artigianale

Attraverso una produzione artigianale e attenta alle tradizioni, il latte è lavorato a crudo e vengono aggiunti solo sale e caglio, nessun additivo o conservante.

Per i suoi ritmi lenti

Trentingrana deve prendersi i suoi tempi. Deve riposare, maturare e affinarsi per almeno 20 mesi prima di poter essere gustato al meglio in tutta la sua equilibrata dolcezza. Poche forme selezionate arrivano a stagionare fino a 30 mesi.

Per la sua qualità riconosciuta

Trentingrana è un formaggio a Denominazione di Origine Protetta, specificità territoriale definita all’interno del disciplinare Grana Padano e riconosciuta da DPR. Il Marchio Qualità Trentino è ulteriore garanzia della sua tipicità e provenienza, dalla migliore tradizione casearia trentina.

Loghi_DOP_e_Grana_Padano.png (121 KB)

Scopri
tutti i formati

Trentingrana Premium Quality
Disponibile al banco gastronomia o sottovuoto nei formati 250 g, 350 g circa e 1 kg circa
Trentingrana Stagionato 30 Mesi
Disponibile al banco gastronomia o sottovuoto nel formato 1 kg circa
Trentingrana da latte di alpeggio
Disponibile al banco gastronomia
Trentingrana Grattugiato Fresco
Disponibile in busta nel formato 100g
Confezioni regalo
Eleganti valigette in cartoncino, formato 1 kg circa
NOVITÀ

Il più stagionato in famiglia.

Trentingrana 30 mesi.

FORMAGGIO DI MALGA

Trentingrana da latte di alpeggio.

Una produzione estiva, dai pascoli di alta quota.

Un formaggio fiero di essere unico

TRENTINGRANA
TRENTINGRANA
STAGIONATO 30 MESI
TRENTINGRANA
da LATTE DI ALPEGGIO
Ingredienti:

Latte, sale e caglio.

Caratteristiche:

Formaggio a denominazione di origine, prodotto con latte crudo della provincia di Trento. Forma cilindrica. Crosta dura e liscia, di colore giallo scuro. Pasta tipicamente granulosa che sotto la pressione del coltello si rompe a scaglie. Occhiatura assente. Sapore dolce, gradevole, non piccante. Trentingrana è un formaggio adatto a tutti perché naturalmente privo di lattosio per naturale processo di produzione (galattosio inferiore a 10 mg/100 g).

Dichiarazione nutrizionale - Valore medio espresso per 100 g di prodotto:
Energia
1654 kJ - 398 kcal
Grassi
29 g
Acidi grassi saturi
18 g
Carboidrati
0 g
Zuccheri
0 g
Sale
1,5 g
Calcio
1165 mg
(145% Valori Nutritivi di Riferimento)
Fosforo
690 mg
(99% Valori Nutritivi di Riferimento)
Certificazioni e qualità:
Ingredienti:

Latte, sale e caglio.

Caratteristiche:

Trentingrana stagionato 30 mesi è una produzione di prestigio da forme altamente selezionate, ottimo da degustare, regalare e utilizzare in ricette speciali. L’allungamento della stagionatura accentua i profumi delle erbe e dei fiori tipici della zona di produzione, creando un formaggio asciutto, piacevolmente friabile e granuloso, dall’aroma intenso e persistente, con un bouquet sofisticato e dal sapore ricco e deciso. Il colore è leggermente più intenso rispetto alle stagionature inferiori. I puntini bianchi che si possono notare sulla pasta sono cristalli di tirosina, segno inconfondibile dell’elevata digeribilità del formaggio, specialmente per chi è intollerante al lattosio.

Dichiarazione nutrizionale - Valore medio espresso per 100 g di prodotto:
Energia
1654 kJ – 398 kcal
Grassi
29 g
Acidi grassi saturi
18 g
Carboidrati
0 g
Zuccheri
0 g
Sale
1,5 g
Calcio
1165 mg
(145% Valori Nutritivi di Riferimento)
Fosforo
690 mg
(99% Valori Nutritivi di Riferimento)
Certificazioni e qualità:
Ingredienti:

Latte di alpeggio, sale e caglio.

Caratteristiche:

Trentingrana da latte di alpeggio è un prodotto ricercato e di nicchia, in quanto il latte utilizzato proviene soltanto da poche malghe certificate, da bovine tenute al pascolo all’aria aperta giorno e notte, e alimentate con l’erba dei pascoli alpini, ricchi delle pregiate essenze foraggere di alta montagna. La pasta dal colore giallo paglierino lo rende immediatamente riconoscibile, così come il suo sapore inconfondibile, che offre al palato sensazioni complesse con importanti note erbacee, sentori di caramello e una leggera astringenza. È una specialità prodotta solo in estate e tutelata dal Presidio Slow Food.

Dichiarazione nutrizionale - Valore medio espresso per 100 g di prodotto:
Energia
1654 kJ – 398 kcal
Grassi
29 g
Acidi grassi saturi
18 g
Carboidrati
0 g
Zuccheri
0 g
Sale
1,5 g
Calcio
1165 mg
(145% Valori Nutritivi di Riferimento)
Fosforo
690 mg
(99% Valori Nutritivi di Riferimento)
Certificazioni e qualità:

Curiosità

La Bruna Alpina

Le mucche, il cui latte è destinato alla produzione di Trentingrana, sono di diverse razze, ma la più tradizionalmente diffusa alle nostre altitudini è la Bruna Alpina, una razza da latte a tutti gli effetti che presenta delle straordinarie capacità di adattamento agli ambienti alpini. Una vera ribelle.

Il laboratorio del Consorzio

Il Consorzio è dotato di un laboratorio di analisi (accreditato in conformità alla norma UNI EN ISO 17025, a garanzia di indipendenza, competenza e imparzialità) che svolge la funzione di supporto tecnico-analitico ed è diviso in due settori:

  • Pagamento a Latte Qualità dove si svolgono controlli sulla qualità del latte conferito dagli Allevatori Trentini;
  • Microbiologia e Chimica dove si svolgono analisi per garantire la sicurezza alimentare dei prodotti dei Caseifici.
Quanto latte?

Per realizzare una forma di Trentingrana che al termine del periodo di stagionatura peserà circa 37 chili, occorrono 500 litri di latte. Trentingrana è una produzione di nicchia: mediamente si contano 120.000 forme all’anno, che corrispondono a 60.000 tonnellate di latte provenienti dai nostri allevamenti.

Leggenda, amore e tradizione

La storia di Trentingrana inizia negli anni 20 del ‘900, quando Michele Marchesi, originario della Val di Non, si sposò con una ragazza di Mirandola, in provincia di Modena. Trasferitosi nella città emiliana, divenne casaro e imparò l’arte della produzione del Parmigiano Reggiano. Ritornato in Trentino dopo essersi impadronito dei segreti del mestiere, iniziò ufficialmente nel 1926 l’avventura di Trentingrana.

Battitura, prova con ago e Commissione Assaggio

La “battitura” è un pratica eseguita periodicamente durante la stagionatura dagli “espertizzatori”, per verificare la qualità del formaggio durante la maturazione. Al termine della stagionatura viene anche effettuata, talvolta, la cosiddetta "prova con ago". In più, per garantire il miglior prodotto ai nostri consumatori, le caratteristiche organolettiche di Trentingrana vengono valutate da una Commissione Assaggio.

L’arte del taglio

Tagliare una forma, una forma d’arte. Il taglio a mano di Trentingrana è un’operazione complessa, per cui sono necessari i giusti strumenti: il coltello “a uncino” per l’incisione dello scalzo, il coltello “a goccia” per penetrare nella pasta e infine il coltello “a spatola” per la spaccatura. Un esperto tagliatore impiega meno di un minuto per aprire una forma! 

COSE BUONE
Ricette, news e tanto altro.
Gustatevi il mondo Trentingrana.